Cosa devi conoscere sulla certificazione energetica

Di recente ho voluto fare un bilancio in merito alle spese sostenute e mi sono accorta che molto denaro è stato speso per la bolletta del riscaldamento e per quella elettrica. Contando che sono sempre attenta al risparmio, ho fatto due conti ed effettivamente qualcosa non tornava. Andando sul web sono venuta a conoscenza della possibilità di effettuare la certificazione energetica. La certificazione energetica ha la precisa finalità di classificare lo stabile dal punto di vista energetico, in modo da mettere in atto le misure più consone per risparmiare energia, riscaldamento e luce. Le aziende che si occupano della certificazione energetica sono tantissime e occorre rivolgersi a quelle di comprovata esperienza. Non è stato difficile scegliere quella giusta, in quanto ho letto le recensioni dei clienti che si erano rivolte a tali ditte per lo stesso mio motivo. Una volta contattata l’azienda di riferimento, ho preso appuntamento con il tecnico, che puntualmente e con tutta mia comodità si è presentato al mio domicilio. L’addetto preposto ha provveduto ad un accurato sopralluogo, senza creare alcun tipo di disordine (sì, ero anche preoccupata per questo ma mi sono ricreduta) e ha eseguito una serie di test volti a rilevare il dispendio energetico totale. Finito il tutto, mi è stato rilasciato il foglio riportante la certificazione energetica dello stabile. In questo caso si trattava di un appartamento, ma la certificazione può essere fatta su qualsiasi edificio. In questo modo, ho potuto sapere quanto spendo per il consumo energetico e dove e in che modo posso intervenire per ridurre in maniera considerevole il dispendio energetico. Qualche esempio che mi è stato consigliato riguarda il dotare l’appartamento di pannelli isolanti, per ridurre le dispersioni di calore, oppure di prevedere l’utilizzo di dispositivi foto voltaici. Senza la certificazione energetica, non avrei potuto rendermene conto. Prima di procedere, il tecnico ha fornito inoltre un preventivo preciso della spesa che avrei sostenuto. I prezzi della certificazione energetica variano molto in base alla tipologia dello stabile, al suo uso, al tempo che si dovrà impiegare per il sopralluogo e al numero di tecnici che dovranno essere mandati. In genere si va da un minimo di cinquanta euro ad un massimo di trecento euro, ma non è possibile fornire una cifra esatta senza un primo sopralluogo del tecnico. Sicuramente un’esperienza positiva, in quanto la certificazione energetica è il primo passo per la strada del risparmio e dell’eco sostenibilità: non dimentichiamo infatti che consumare meno farà bene sia al portafoglio che all’ambiente e alla natura.